Sextrology, la bibbia del sesso

dicembre 6, 2008 § 10 commenti

La sextrologia esplora le caratterstiche di tutti i segni zodiacali attraverso una filosofia unica e assolutamente orginale. Starsky e Cox svelano la verità nuda e cruda sulle donne e gli uomini etero e gay di ciascun segno, mostrandone fin nei dettagli più scabrosi preferenze, inclinazioni, perversioni e desideri nascosti. Il libro è ricco di informazioni che stuzzicano. Ogni profilo zodiacale è diviso in tre parti. Segno e personalità: offre una lettura psicologica del segno con numerosi richami alla letteratura antica e moderna, al cinema, alla mitologia; corpo e amima: esplora gli attributi fisici di ciascun segno, dalla testa ai piedi, e le sue caratteristiche espressive; sesso e sessualità: espone dettagliatamente il comportamento e le attitudini sessuali del segno, dentro e fuori la camera da letto. Dalle fantasie alle posizioni preferite, dalle zone erogene ai bisogni emotivi, la sextrologia vuole essere un aiuto a capire meglio la propria sessualità e quella degli altri, per migliorare la visione dei ruoli all’interno delle relazioni e per scoprire cosa aspettarsi dalle nuove fiamme. Ogni profilo è completato da una indispensabile e dettagliata analisi di compatibilità.

(Regalatomi da mia madre ieri sera)

Ariete:
· Per l’uomo Ariete niente è più stimolante di una donna sottomessa, che si tratti della vita vera o di una messa in scena per un appagamento puramente sessuale
· La donna Ariete deve raggiungere l’orgasmo almeno una volta al giorno. Nota masturbatrice, non riesce ad addormentarsi se non si dà una toccatina.
Toro:
· L’uomo Toro è un amante lento, si lascia andare a rapporti straordinariamente lunghi, vere e proprie maratone di sesso
· La donna Toro è animata dal desiderio di soddisfare il suo uomo. Decisamente combattiva in camera da letto, porta l’esplorazione della sua femminilità quasi al feticismo, lasciandosi andare a ruoli come quello di artista dello streaptease, di geisha o di prostituta d’alto bordo.
Gemelli:
· Per l’uomo Gemelli il sesso deve essere innanzitutto divertimento. Ama sperimentare e odia la routine
· La donna Gemelli, il cui pensiero precede l’azione, si eccita molto di fronte all’attesa, all’ignoto; il pensiero di essere leccata, penetrata e poi bagnata dentro e fuori, può eccitarla al punto da lasciarsi scopare senza sbattere ciglio. Ma il suo partner deve sempre stare all’erta e mostrarsi flessibile a tutti i suoi cambiamenti d’umore.
Cancro:
· L’uomo Cancro è il tettomane più incallito dello zodiaco
· La donna Cancro cerca nel partner un salvatore. Il suo eroe è un uomo disposto a sacrificarsi. Sotto le lenzuola, dispone di un repertorio erotico alquanto vivace ed è il segno femminile più aperto alle sperimentazioni.
Leone:
· L’uomo Leone è il più instancabile segno dello zodiaco in camera da letto, capace di trascorrere giornate intere tra le lenzuola, alternando sonno e sesso
· La donna Leone è la più devota dello zodiaco al proprio uomo. Adora vincere ed essere vinta, anche a letto, e cerca un uomo capace di tenerle testa in questa sana competizione. A volte può manifestare una certa tendenza alla ninfomania.
Vergine:
· E uno degli uomini più abili con le mani, ma è poco disposto alle pratiche orali. Si eccita a pensare di essere cornificato ed è tra i segni con maggiori tendenze omosessuali
· La donna Vergine a letto tratta l’uomo, più di ogni altra, come suo signore e padrone. In cambio, però, pretende da lui una prestazione da stallone di primo ordine.
Bilancia:
· L’uomo Bilancia è attratto da donne indipendenti, con le quali può vivere in armonia, a patto che le loro sfere d’interesse restino ben distinte. E’ particolarmente predisposto a rapporti omosessuali
· La donna Bilancia si diverte a indossare mise femminil-venusiane e sotto le lenzuola evita i ruoli predefiniti. E’ la donna gay dello zodiaco, visto che la sua mente ultra-maschile non le consente di considerare il sesso come un’esperienza che prevede coinvolgimento emotivo. Sostanzialmente di animo semplice, non è interessata a perversioni o comportamenti sessuali particolari.
Scorpione:
· L’uomo Scorpione ha una libido notevolmente sviluppata. Con la donna che ama si lascia andare completamente godendo di ogni centimetro del suo corpo, ansioso di esplorare tutte le dimensioni del piacere
· Di tutte le donne dello zodiaco, la donna Scorpione è la più disponibile al sesso anale.
Sagittario:
· L’uomo Sagittario è il più perverso dello zodiaco. Adora esplorare le fantasie altrui e sarà incline a svelare i segreti che possono nascondersi nei recessi della mente della sua partner
· La donna Sagittario è la tipica brava ragazza il cui massimo della stravaganza è masturbarsi davanti al proprio compagno (pratica per altro amata).
Capricorno:
· L’uomo Capricorno si eccita di fronte alla degradazione femminile. Spesso è bisessuale
· La donna Capricorno ha una sfrenata fantasia e non trova sconveniente fare esercizi sessuali fuori dalla coppia, continuando a consacrare interamente la sua parte emozionale a una relazione più importante.
Acquario:
· L’uomo Acquario è uno dei più deviati a livello sessuale. Le chat erotiche sono nate per lui. Ha difficoltà a stabilire la sua identità sessuale
· La donna Acquario subisce il fascino degli uomini megalomani. Tra le sue fantasie più frequenti c’è quella di essere “presa” da un uomo senza cerimonie. E’ attratta dalla brutalità.
Pesci:
· L’uomo Pesci è, di tutto lo zodiaco, il meno motivato al sesso.
· La donna Pesci ama l’erotismo ma non è un tipo passionale
Annunci

Palahniuk Chuck – Gang bang

ottobre 24, 2008 § 7 commenti

Cassie Wright, regina leggendaria del porno, decide di chiudere in ‘bellezza’ la sua carriera battendo il record mondiale di Gang Bang (quella particolare performance porno nella quale una gentile signora fa sesso con un numero spropositato di gentili signori) e di farne un film. Il suo obiettivo è quanto mai ambizioso: 600 uomini. Il libro si basa su quanto dicono, pensano e fanno Mr. 72, Mr. 137, e Mr. 600 che attendono il loro turno in una stanza assai affollata e rumorosa. Ma non vanno dimenticati alcuni elementi che rendono la storia ancora più forte. La pornoattrice ha in mente di morire durante le riprese del suo tentativo di record mondiale di modo che le successive polemiche portino a proibire ulteriori futuri tentativi di record, cosa che le garantirebbe di essere in eterno la detentrice del primato. L’immortalità è a portata di mano insomma. Inoltre la pornoattrice intende devolvere i proventi del film al figlio che aveva concepito sul set del suo primo film porno e che poi aveva abbandonato perché venisse adottato. E in effetti uno dei tre uomini su cui si basa la storia dice di essere il figlio di Cassie che cerca disperatamente di mettersi in contatto con la madre dopo che lei lo ha abbandonato da piccolo. Ma le cose stanno davvero così?

Tokyo

agosto 6, 2008 § 6 commenti

Proprio ieri sera ho finito di leggere il libro della Yoshimoto. Ho letto le ultime pagine tutte ad un fiato.

Il finale ha soddisfatto le mie aspettative.  E questo è bene.

Alcuni libri non vedi l’ora di finirli, con altri invece sei dispiaciuto di essere già arrivato alla fine. E “L’abito di piume” rientra decisamente nel secondo caso.

Alcune storie non devono essere raccontate in modo eclatante per piacere al lettore, questa scrittrice riesce benissimo a raccontare storie di quotidianità toccando nell’animo atmosfere e suggestioni davvero forti e incredibili. Ha un dono di natura: la semplicità. Una scrittura liquida, fluida e ben ricca di aggettivi e verbi.

Riesce a farti appassionare a un mondo così lontano, tale da fartelo sembrare vicinissimo a te.

” Amore prepara le valigie, a dicembre si parte per il Giappone! ”

Questo un piccolo estratto del libro:

Il mio paese sembrava esistere aggrappato ai lembi di terra risparmiati da un fiume. D’estate era un luogo abbastanza fresco, d’inverno invece faceva freddo e, sulle montagne vicine, nevicava molto.
Il grande corso d’acqua che lo spezzava a metà aveva un’infinità di diramazioni che lo attraversavano in lungo e in largo come una ragnatela. Piccoli torrenti che, di notte, brillavano nel buio come dei fili bagnati.
Nelle tenebre, ovunque si camminasse, il fragore del fiume sembrava seguirti. […]
Vivendo lì, anche in sogno si aveva la sensazione di avere il fiume vicino, e pure nei momenti importanti della vita, il fiume era sempre presente sullo sfondo del cuore. […]
(incipit de L’abito di Piume)

Hotaru, dopo aver vissuto a Tokio una relazione di otto anni con un uomo sposato, fa ritorno nel piccolo borgo in cui è nata. E’ affranta e delusa dalla fine di questo amore e non sa come affrontare la situazione. E’ cresciuta, così come accade ai figli di genitori che si amano, pensando che tra moglie e marito possa esistere solo armonia. E non ha sviluppato alcun senso critico sul mondo circostante. Comincia così ad aiutare sua nonna nel piccolo caffè che gestisce sulla sponda del fiume. Sua madre è morta e suo padre, che si trova momentaneamente in California per lavoro, vive nello stesso paese, nella casa che hanno sempre abitato. Hotaru però si stabilisce in quella specie di magazzino che è il retro di quell’originale caffè, pensando alla libertà di poter tranquillamente scoppiare a piangere senza dover dare spiegazioni. I primi giorni sono molto duri, il vuoto da colmare è molto grande. Rivede i luoghi del passato, ritrova la sua vecchia amica Rumi e incontra il giovane maestro di scii, Mitsuru. Tra i due si crea un legame molto forte e Hotaru ha la strana sensazione di averlo già incontrato in passato, ma non riesce a ricordare dove…

E’ una narrazione scorrevole e semplice, delicata e coinvolgente. Ha qualcosa di fiabesco e misterioso insieme, di malinconico e vitale nello stesso tempo. Ci dice che a volte tornare indietro non significa sconfitta, ma desiderio di riacquistare forza e fiducia in se stessi. E ci ricorda che nei momenti difficili sono sempre amicizia e affetti familiari a soccorrerci.

Pensai che la gentilezza disinteressata delle persone, le loro parole spassionate, fossero come un abito di piume. Avvolta da quel tepore, finalmente libera dal peso che mi aveva oppresso fino a quel momento, la mia anima stava fluttuando nell’aria con grande gioia.

Cambiando argomento, domani mia madre compie circa vent’anni più di me. Ecco, questo si che è importante.

In una tarda sera d’estate con Banana Yoshimoto

agosto 4, 2008 § 5 commenti

Fa caldo. La pelle è appiccicosa ed io in questo istante non so che farmene. Ho tolto tutti i vestiti,i miei non ci sono, se potessi toglierei pure la mia pelle per avere un po’ di freschezza.

Il condizionatore umidifica le stanze, ma ho caldo lo stesso  e poi odio l’aria condizionata. Ne soffre la testa, sono debole in quella parte del corpo. Per cui le scelte sono due: accendere (a paletta) il condizionatore e quindi farmi venire nel raggio di 5 istanti l’emicrania oppure grondare di sudore.

In televisione non c’è nulla d’interessante. Pochi minuti fa mi ha chiamato A. e mi ha detto che si annoiava,come biasimarlo. Oggi festeggiamo pure dieci mesi di matrimonio e pensare che ognuno è nella propria casa.

Dobbiamo contenere un po’ le spese. In questi giorni abbiamo speso un po’ troppo.

Credo che andrò a finire l’ultimo libro che ho preso di Banana Yoshimoto, “L’abito di piume“.

E’ una scrittrice che ho scoperto da poco. La sua scrittura semplice e rilassata mi tranquillizza. Gli argomenti sono tenui, la trama non troppo complessa, ed è proprio quello che ci vuole in questo periodo dell’anno, dove il caldo e l’afa sovrana sulle nostre teste e ci fa perdere di concentrazione e memoria.

Di Banana Yoshimoto vi consiglio anche questo. Ho finito di leggerlo la settimana scorsa. Bello. Ultimamente divoro libri come fossero caramelle.

Buon per me. Mi dico.

the surrender

maggio 4, 2008 § 4 commenti

la delusione è un’ottima maestra, se si sopravvive alle lacerazioni subite dal proprio ideale romantico.

Toni Bentley, The surrender

Tecniche di masturbazione fra Batman e Robin

aprile 7, 2008 § 4 commenti

Come trasformarsi in pochi minuti da emerito cretino in uomo interessante? Come farsi largo fra le trappole del sesso e le ambiguità dell’amore? “Tecniche di masturbazione fra Batman e Robin” è un’avventura letteraria che mescola spunti e modi diversi di raccontare prendendosi gioco della diffusa mania dei manuali e dei libri di autoaiuto. Si va dalla meccanica della seduzione alle regole del maschio vincente, dall’elogio della masturbazione come metodo pratico, economico, a prova di fallimento, e in servizio 24 ore su 24, alle istruzioni per “allenare mammiferi” (una specie di supermercato delle opportunità amorose), dalla meccanica popolare” che fa girare sesso e amore al “ritratto dell’artista da giovane. “

Mallanaga Vatsyayana

marzo 10, 2008 § 7 commenti

9788854110045g2.jpg 

Trama: Capolavoro indiscusso dell’antica letteratura indiana, il Kamasutra, scritto intorno  al III secolo d.C. da Mallanaga Vatsyayana, gode da sempre in Occidente di fama  particolare. Eppure è indubbiamente riduttiva l’interpretazione, passata quasi in  proverbio, che ne fa un puro e semplice “manuale delle posizioni”. Certo, il lettore  occidentale non può non essere colpito dalla estrema, disarmante chiarezza di certe esplicite descrizioni, ma in realtà il Kamasutra abbraccia e descrive tutti gli aspetti del rapporto uomo-donna (il corteggiamento, la conquista, il matrimonio ma anche il tradimento e la poligamia), un rapporto che secondo l’antica filosofia indiana ha una natura squisitamente fisica e sensuale. In questa vera e propria educazione alla vita amorosa l’appagamento erotico, quale espressione di un’esigenza del tutto naturale, è condizione imprescindibile del benessere dell’uomo e del suo armonioso inserimento nella collettività.

 

ps: non è un libro che t’insegna come avere 1.000 orgasmi in 10 secondi.il kamasutra è il più grande libro mai scritto sulla sessualità maschile e femminile. è un trattato filosofico sull’anima e sul sesso

Dove sono?

Stai esplorando gli archivi per la categoria sul comodino su Franci Z..