Illuminazioni zodiacali

gennaio 3, 2010 § 7 commenti

Quanti Ariete sono necessari per cambiare una lampadina? Solo uno, però ci vogliono molte lampadine.

 Quanti Toro sono necessari per cambiare una lampadina? Nessuno, al Toro non piace cambiare niente.

Quanti Gemelli sono necessari per cambiare una lampadina? Due, probabilmente. Aspettano fino al weekend, ma alla fine la lampadina è al centro dell’attenzione, parla francese e dà luce del colore preferito a chi entra nella stanza.

Quanti Cancro sono necessari per cambiare una lampadina? Solo uno, ma dovrà mettersi in terapia per superare il trauma.

Quanti Leone sono necessari per cambiare una lampadina? Un Leone non cambia lampadine, al massimo le tiene ferme mentre il mondo gira intorno a lui.

Quanti Vergine sono necessari per cambiare una lampadina? Vediamo: uno per preparare la lampadina, un altro per prendere nota di quando la lampadina si è fulminata e della data in cui fu acquistata, un altro per decidere di chi è la colpa se la lampadina si è bruciata, dieci per ripulire la casa mentre gli altri cambiano la lampadina.

Quanti Bilancia sono necessari per cambiare una lampadina? In realtà non saprei…penso che dipenda da quando la lampadina ha smesso di funzionare. Forse uno solo è sufficiente se si tratta di una lampadina qualsiasi, due se la persona non sa dove trovare una lampadina nuova. Ci sono molti dubbi!

Quanti Scorpione ci vogliono per cambiare una lampadina? E chi può saperlo? Perché volete saperlo? Siete forse della polizia?

Quanti Sagittario sono necessari per cambiare una lampadina? Il sole brilla, c’è bel tempo, abbiamo tutta la vita davanti e voi vi preoccupate per una stupida lampadina?

Quanti Capricorno sono necessari per cambiare una lampadina? Nessuno. I Capricorno non cambiano lampadine se non ci trovano il loro tornaconto.

Quanti Acquario sono necessari per cambiare una lampadina? Arrivano frotte di Acquario, in competizione per stabilire chi di loro sarà l’ unico capace di ridare la luce al mondo.

Quanti Pesci sono necessari per cambiare una lampadina? Perché, è forse mancata la luce?

L’hanno menato

dicembre 15, 2009 § 1 Commento

Cremona sniffa

settembre 22, 2009 § Lascia un commento

Cremona: quarantenne finisce in manette. E’ entrato nel duomo di Cremona, si è tolto i pantaloni e, come niente fosse, ha preparato una striscia di cocaina su una balaustra dell’altare e l’ha sniffata. L’incredibile episodio è avvenuto davanti agli occhi increduli di sacerdoti e fedeli. All’arrivo della polizia l’uomo, un quarantenne austriaco, ha reagito con violenza ed è stato arrestato per lesioni, resistenza e atti contrari alla pubblica decenza. A dare l’allarme sono stati gli stessi fedeli che, dopo aver superato lo choc per l’incredibile “spettacolo”, hanno richiesto l’intervento della polizia e dei vigili urbani. Quando sono arrivati nella cattedrale, gli agenti hanno trovato l’uomo ancora nudo e intento a sniffare la sua striscia di cocaina sull’altare. E alla richiesta di ricomporsi, l’austriaco ha dato in escandescenze: dopo aver tentato di impedire il sequestro della droga lanciandosi sugli agenti, si è messo a menar pugni e calci mandando in ospedale due poliziotti. Solo con molta fatica gli agenti sono riusciti ad ammanettarlo. Dopo alcune ore passate in cella, i bollenti spiriti dell’uomo si sono calmati, e i poliziotti lo hanno sentito pregare.

Tuta tantrica

settembre 20, 2009 § Lascia un commento

uomini che mi scrivono che sono sexy ed intrigante. uomini che mi bistrattano in pubblico e poi in privato mi leccano l’uccello  in senso più vero.

“fa freddo e mi metto i pantaloni della tuta” scrivo su facebook. risposte in pvt:

“ti leverei la tuta e ti farei poi sedere sui miei coglioni”

“hai un viso da favola, te lo ridipingerei con la mia sbora”

“e sotto la tuta che intimo hai, slip,boxer o sei nudo ehehehe”

risposta: ho i mutandoni di mia nonna, me lì sono fatti prestare. sono di cotone e scaldano il mio  infreddolito culo!

Poco cordiali, poco solidali/2

settembre 2, 2009 § Lascia un commento

Poco cordiali, poco solidali

settembre 1, 2009 § 1 Commento

I pericoli di un single

luglio 24, 2009 § 4 commenti

• Non mangiare per giorni

• Pulire casa solo quando le molliche di pane e la polvere arrivano a sfiorare il lampadario sul soffitto

• Incontrare uomini convinti che tu voglia sposarli, e invece vuoi solo ridere per qualche ora e nulla più e loro non capiscono e scappano, perché qualcuno ha messo in giro la voce che gli uomini gay p. sono sempre alla ricerca della Grande Relazione che lì salverà dalla solitudine. Stronzate, una dopo l’altra.

 • Guardare programmi dementi alla TV, perché non ci sta nessuno a giudicarti.

 • Sesso sporadico e non sempre soddisfacente.

• Approfittare troppo di mezzi divinatori come tarocchi, I King e Sibilla Cumana quando non hai molto da fare e chiedi le cose fra le più stupide e inutili tipo “Morirò di fame e denutrito entro la fine della settimana?”

• Guardare vecchie foto e chiederti “quando abbiamo cominciato a sbagliare?”

• Arrampicarsi su improponibili scale per montare tende, scaricare scatole, posare bagagli, prendere libri e rischiare di rompersi quelle poche ossa malate.

• Spaccarsi i denti cercando di aprire la bottiglia d’acqua, ché le mani sono deboli e una delle virtù dell’uomo gay a., in quanto maschio semi-etero, è quella di saper aprire bottiglie e barattoli.

• Non avere alcun senso del tempo. E’ notte? E’ giorno? A che ora ti sei svegliato stamattina? E che ne so? Non ricordo nemmeno di essere mai andato a dormire.

• Incontrare gente convinta che tu, nella tua stupenda solitudine, ci stia male e questo fa nascere una considerazione che rappresenta anche la seconda parte di questo post: Se sei un uomo gay single, la maggior parte della gente crede che tu viva male la tua condizione. L’idea diffusa e radicata è che tutto ciò che una persona desidera è un accompagnatore, qualcuno che gli stia vicino a prescindere dal valore del loro rapporto e a prescindere dal valore dell’uomo in questione. E’ un fatto di priorità: chi è più importante? Io o un qualsiasi demente con cui posso scambiare due risate? La risposta, la mia risposta, è: sono più importante io, e dato che ho questa consapevolezza, il demente qualsiasi non salirà di ruolo, rimarrà un demente qualsiasi e non avrà mai la possibilità di essere qualcosa di diverso (a meno che non si sottoponga a lobotomia).

Nella mia pelle ci sto bene, che sia solo, che sia accompagnato o male accompagnato. Il resto è un altrove, il resto è addizione a un cerchio già pieno e perfetto e senza sbavature. Non puoi aggiungere o togliere niente, perché sono pieno e totale.

E non parlate di cinismo, non c’entra una minchia.

Dove sono?

Stai esplorando gli archivi per la categoria società su Franci Z..