Medusa fra meduse

settembre 15, 2008 § Lascia un commento

Fiuto.

Annuso e poi rifiuto il consenso.

Assaporo, infilo la lingua è gradita.

Germoglia come una rosa in tutta la bocca, sfiora i denti, unge le labbra, soffoca la gola, restringe il respiro.

Prende aria la bocca.

Ossigeno per sentirsi vivi.  

Fumo per rigenerarsi. Ricominciare una,due, tre volte.

Come una medusa galleggerò per te.

Fluttuerò nell’aria aggrappato al tuo membro feroce, sereno, nero.

E cambierò la strada per te.

Invertirò la disposizione del vento per te, solo per te e per nessun’altro mai.

Rimanevano in silenzio e in silenzio mormoravano la loro presenza.

Come un inganno, una cosa persa.

Come delle dita che si sfiorano e si avvicinano alle labbra ammutolendola.

Sono senza traccia.

Senza difese.

E rimango qui senza niente.

Senza nessuno.

Di fronte a me solo il vuoto e un briciolo di speranza giace sul fulcro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Medusa fra meduse su Franci Z..

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: