Lo accarezzavo

settembre 7, 2008 § 4 commenti

Lo accarezzavo. Lo accarezzavo come fosse un cane.

Lo baciavo come fosse un amico.

Facevo sesso con lui per sentirmi meno solo.

Accarezzavo il suo lato da bambino. Quello infantile.

Era indicibile. Impenetrabile.

Assorbente come carta.

Impregnato di sangue il dolore, il niente.

Lo accarezzavo e non avevo più luce.

Lo accarezzavo e mi sentivo perso. Smarrito.

Cuore infranto.

Forza di gravità, sorreggimi.

Avevo pianto e riso nello stesso tempo.

Mi chiese che avevo.

Niente risposi, tre fottutissime volte.

Niente.

Niente.

Niente.

Non sono niente, come il niente, meno del niente.

Peccato, l’atto compiuto è stato pagato.

Risolto, giustiziato, decapitato, incendiato, malaugurato.

Finito.

Lo accarezzavo piano per non romperlo.

Ma l’ho infranto lo stesso.

Annunci

§ 4 risposte a Lo accarezzavo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Lo accarezzavo su Franci Z..

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: