Blue

settembre 1, 2008 § 2 commenti

Questo è quello che avrei scritto  ieri se le cose non fossero cambiate.

31 agosto 2008

Finisce quando meno te lo aspetti, per ragioni inutili. Non serve avere ragione perchè il più delle volte la ragione non sempre serve. E’ finita di notte. Ieri notte. Notte fitta, per le strade nemmeno un cane, solo io, solo a. e solo macchine parcheggiate ai bordi dei marciapiedi.

Succede quando meno te lo aspetti. Nelle ore buie,nere più che mai. E’ finita. Un nuovo capitolo della mia vita si è concluso.

Un nauseante senso di solitudine pervade la testa.

Ho vomitato. Sto male.

Era da tempo che non mi sentivo esamine, privo di forze, privo di vita. Morto.

Credo non ci sia più niente da fare, solo attendere stagioni migliori. La confusione è mescolata al dolore, alla solitudine, alla voglia di scappare e non farsi più vivi.

La mente è troppo annebbiata. Opacizzata. Spero che il vento fuori dalla finestra arrivi il più presto possibile. Che spazzi via l’aria malinconica di questi giorni. Odio attendere, odio aspettare, odio il tempo e le lancette dell’orologio che scalfiscono secondo dopo secondo.

Sono giovane, mi dico, il mondo mi attende, ma ho paura e la sola che so fare è piangere.

Un groppo alla gola non fa fuoriuscire nemmeno un suono. Solo lacrime sulle mie gote tristi.

Non c’è più nulla da dire, nulla da rifare.

Attendo il pianto liberatorio che ti faccia sopprimere il passato e ti riconcilia con il presente. Sono assetato d’amore, ma la cosa più incredibile è che sembra che invece che avvicinare a me le persone a cui tengo le allontano.  La mia totalità estrema, sia in un verso che nell’altro, è un’ arma a doppio taglio.

Quando finisce una storia d’amore, vero amore, è come se fosse un giorno di lutto.

31 agosto 2008

La casa è troppo grande per me solo, quando anche le sue cose se ne andranno con lui perderà la sua natura, sarà un’altra casa, apparterrà ad un’altra vita peggiore o migliore non importa, ma sarà un’altra. I suoi pochi vestiti allineati nell’armadio, i suoi libri, i suoi volantini presi nei centri commerciali, lasceranno queste mura come se non ci fossero mai stati. Questa casa non ha memoria, io sì. Vedrò sempre le sue cose sparse in giro anche quando non ci saranno, ricorderò esattamente il luogo in cui ha lasciato la sua tazza per l’ultima volta e dove ha lasciato i suoi bigliettini da visita. Saranno lì sempre, fantasmi immobili impossibili da cacciare. Ancora più crudeli dei fantasmi veri.

Una delle cose più terribili che può capitare all’amore è che si trasformi in odio, e chi ha amato davvero non accetta la morte violenta del suo amore, lo adagia sul letto e lo ricopre con un lenzuolo prima che sia troppo tardi. Lasciarsi dopo circa un anno felice, davvero felice, è perdere una parte di sè, una parte che non riavrai mai più indietro.

Blue, so blue, my love is burning blue
Any private flame could be a lie
Blue, so blue, my love still burns for you
But I know I’ll only make you cry

Annunci

§ 2 risposte a Blue

  • blue ha detto:

    posso solo dire che avrei voluto essere vicino a te in quei momenti: una spalla su cui piangere o vomitare. a scelta. posso solo dire che sono contenta che le cose si siano sistemate. posso solo dire che a volte capita, ma si deve avere il coraggio del confronto e del chiarimento. posso solo dire che vi voglio bene…

  • Franci Z. ha detto:

    grazie blu di tutto. un bacio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Blue su Franci Z..

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: