Tokyo

agosto 6, 2008 § 6 commenti

Proprio ieri sera ho finito di leggere il libro della Yoshimoto. Ho letto le ultime pagine tutte ad un fiato.

Il finale ha soddisfatto le mie aspettative.  E questo è bene.

Alcuni libri non vedi l’ora di finirli, con altri invece sei dispiaciuto di essere già arrivato alla fine. E “L’abito di piume” rientra decisamente nel secondo caso.

Alcune storie non devono essere raccontate in modo eclatante per piacere al lettore, questa scrittrice riesce benissimo a raccontare storie di quotidianità toccando nell’animo atmosfere e suggestioni davvero forti e incredibili. Ha un dono di natura: la semplicità. Una scrittura liquida, fluida e ben ricca di aggettivi e verbi.

Riesce a farti appassionare a un mondo così lontano, tale da fartelo sembrare vicinissimo a te.

” Amore prepara le valigie, a dicembre si parte per il Giappone! ”

Questo un piccolo estratto del libro:

Il mio paese sembrava esistere aggrappato ai lembi di terra risparmiati da un fiume. D’estate era un luogo abbastanza fresco, d’inverno invece faceva freddo e, sulle montagne vicine, nevicava molto.
Il grande corso d’acqua che lo spezzava a metà aveva un’infinità di diramazioni che lo attraversavano in lungo e in largo come una ragnatela. Piccoli torrenti che, di notte, brillavano nel buio come dei fili bagnati.
Nelle tenebre, ovunque si camminasse, il fragore del fiume sembrava seguirti. […]
Vivendo lì, anche in sogno si aveva la sensazione di avere il fiume vicino, e pure nei momenti importanti della vita, il fiume era sempre presente sullo sfondo del cuore. […]
(incipit de L’abito di Piume)

Hotaru, dopo aver vissuto a Tokio una relazione di otto anni con un uomo sposato, fa ritorno nel piccolo borgo in cui è nata. E’ affranta e delusa dalla fine di questo amore e non sa come affrontare la situazione. E’ cresciuta, così come accade ai figli di genitori che si amano, pensando che tra moglie e marito possa esistere solo armonia. E non ha sviluppato alcun senso critico sul mondo circostante. Comincia così ad aiutare sua nonna nel piccolo caffè che gestisce sulla sponda del fiume. Sua madre è morta e suo padre, che si trova momentaneamente in California per lavoro, vive nello stesso paese, nella casa che hanno sempre abitato. Hotaru però si stabilisce in quella specie di magazzino che è il retro di quell’originale caffè, pensando alla libertà di poter tranquillamente scoppiare a piangere senza dover dare spiegazioni. I primi giorni sono molto duri, il vuoto da colmare è molto grande. Rivede i luoghi del passato, ritrova la sua vecchia amica Rumi e incontra il giovane maestro di scii, Mitsuru. Tra i due si crea un legame molto forte e Hotaru ha la strana sensazione di averlo già incontrato in passato, ma non riesce a ricordare dove…

E’ una narrazione scorrevole e semplice, delicata e coinvolgente. Ha qualcosa di fiabesco e misterioso insieme, di malinconico e vitale nello stesso tempo. Ci dice che a volte tornare indietro non significa sconfitta, ma desiderio di riacquistare forza e fiducia in se stessi. E ci ricorda che nei momenti difficili sono sempre amicizia e affetti familiari a soccorrerci.

Pensai che la gentilezza disinteressata delle persone, le loro parole spassionate, fossero come un abito di piume. Avvolta da quel tepore, finalmente libera dal peso che mi aveva oppresso fino a quel momento, la mia anima stava fluttuando nell’aria con grande gioia.

Cambiando argomento, domani mia madre compie circa vent’anni più di me. Ecco, questo si che è importante.

Annunci

§ 6 risposte a Tokyo

  • Libero ha detto:

    Il giorno che trovo Banana me la mangio tutta.. 😉 senza sbucciarla… 🙂

    Tutti di solito sono convinti che le persone si separano perchè una si è stancata dell’altra,

    per propia volontà o per volontà dell’atra persona.

    Ma non è cosi. I periodi finiscono, come cambiano le stagioni. Semplicemente.

    E’ una cosa su cui la volontà individuale non ha nessun potere.

    Viceversa, si ha la possibilità fino a quando verrà quel giorno, di godere di ogni momento.

    Noi due fino all’ultimo istante, vivemmo nella serenità nella gioa.

    (Banana Yoshimoto H/H)

  • Franci Z. ha detto:

    mi manca H/H della yoshimoto, sapessi quanti me ne mancano!

  • Franci Z. ha detto:

    per quanto riguarda Banana google riporta delle sue foto. Io se fossi in te ci penserei due volte prima di sbucciarla.

  • Franci Z. ha detto:

    a meno che non sia un altro tipo di banana.(suggerisce una mia amica)

  • Libero ha detto:

    fisci mi fai prendere paura pensavo eri la defilippi… 🙂 i mie libri della Banana sono København li ha la corogna della mia ex …
    ma Banana è Banana e quindi è Banana 😉

  • Franci Z. ha detto:

    chiaro como un sudoku!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Tokyo su Franci Z..

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: