factory girl

aprile 26, 2008 § 2 commenti

Andy invita Edie ad entrare nel mondo della leggendaria Factory, ex fabbrica di cappelli della città, diventato un paradiso bohemien di creatività e la trasforma nella sua musa.Edie ben presto diventa la stella dei film di Warhol, oltre che l’idolo della Factory e la beniamina dei media. Diventa l’icona di una generazione, la donna di cui si diceva che tutti gli uomini desiderassero e che tutte le donne aspiravano a diventare. La sua immagine divenne il simbolo della donna americana moderna per eccellenza: energica, ribelle e tuttavia profondamente vulnerabile. Vogue Magazine coniò addirittura un termine per la rivoluzione che rappresentò, la soprannominò infatti “Youthquaker.”

Annunci

§ 2 risposte a factory girl

  • blue ha detto:

    periodo incredibile di creatività e impegno quello della factory. oggi sono andata a vedere la mostra di avedon allo spazio forma e c’era anche una foto formato gigante proprio dei membri della factory: bellissima…mi viene una tristezza se confronto quel periodo così pieno di vita al vuoto di questi anni…baci, b

  • Franci Z. ha detto:

    il film lo consiglio,per certi versi è commovente, fatto di quella malinconia non scontata e ritrita in tanti film,una malinconia unica,originale e spiazzante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo factory girl su Franci Z..

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: