il mio quartiere vol.1

febbraio 27, 2008 § 17 commenti

come ben sapete mi sono trasferito da poco in un nuovo quartiere, sempre a cremona.

è sporco,puzza di immondizia e cumino,ha vecchi palazzi bugiardi che fanno credere di essere più vecchi di quello che in realtà sono.perchè i palazzi non sono come le persone: i palazzi hanno più valore quando sono vecchi.

nel mio quartiere,inoltre ci sono i piccioni e c’è una colonia di bellissimi gatti che vivono dentro i ruderi di una cantina.

una zona malfamata,nessuna persona che vedi passare per la strada ha le sembianze di un essere umano.compresi anche i nuovi vicini di casa:

la logorroica signora pina che le manca un dito della mano destra,precisamente l’indice.vive con il figlio di 47 anni,abita proprio di fronte a noi,sullo stesso pianerottolo e oltre a lamentarsi della propria vita passata ogni giorno la incontro per le scale,pronta per andare a fare spesa al penny.

il ragazzo quattrocchi dal giubotto in pelle nera e dalla cintura maculata che parla da solo e che gesticola con le proprie braccia pelose verso il cielo.

i due uomini buddisti.uno di loro assomiglia come corporatura e consistenza al vero budha,ne sembra la reincarnazione. il più magro è stronzo e se la fa con la verginella artista.

la fanciulla pittrice che pare una dama dell’800, ha il viso noioso come i suoi quadri, da incompresa,da soprafatta. voci del condominio dicono che abbia un intrinseco menagè a trois con i due devoti a budha,l’hanno sentita ansimare una notte.

e poi come non parlare del signor mister pipa, un settantenne meridionale dall’accento molto siculo, cappello in testa, pipa in bocca e del tabacco tra le mani, quasi come se avesse timore di perdere l’unica sua consolazione di vita.un giorno mi aprì il portone e mi sorrise. fu tenero.

 oltre agli indiani,i meridionali,i vedovi sordi,le perpetue che ti spiano dalla finestra,le prostitute e gli albanesi non potevano che mancare all’appello due omosessuali!

c’è di tutto nel mio nuovo quartiere. è come se vivessi in un’ italia miniaturizzata, solite persone,solite divergenze tra culture,il pregiudizzio della gente.un ‘italia che vive tra il vecchio e il nuovo,un ‘italia indecisa e paurosa, legata alle tradizione ma allo stesso tempo vogliosa di novità,di cambiamento.

non c’è più nulla da dire,c’è solo da fare.

ci sono molte altre cose,che vi racconterò in una puntata prossima. adesso  lasciatemi godere l’ultima canzone che ho scaricato da emule

Annunci

§ 17 risposte a il mio quartiere vol.1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo il mio quartiere vol.1 su Franci Z..

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: